accedi   |   crea nuovo account

La Libbertà

sò nato libero e libero vojo
navigà fino a quanno sarò morto
e nun me fermo drento nisun porto
perchè nun posso diventà no scojo
de quer molo voluto dar potente
pe dominà er mare e la sua corrente

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 14/04/2011 12:56
    fermandosi in un porto si ha tendenza a diventare uno scoglio..

    Bellissima Giulio.. la libertà..è navigare in un mare aperto.. e se in una tempesta la chiglia esplode...è er mejo..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0