accedi   |   crea nuovo account

Oh Cesare!

Ancor
non so,
parente mio diletto,
se la rabbia tua,
ne la testa mia
veder
al vento
libera sventolar,
uno straniero
preceduto
t'ha,
e la tua spada
taciuta
dovuta ha,
o questa vita
per te
valore
ancora aveva,
e chissà
come finir
doveva.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 18/02/2011 11:49
    ciao Pompeo, non mi dimentico degli amici, è un momento che non seguo il sito, ma l'amicizia c'è sempre. la tua poesia mi è piaciuta ciao a presto Salva.
  • Elisabetta Fabrini il 17/02/2011 16:22
    Molto bella Don!
    Bravissimo
  • calogero pettineo il 16/02/2011 14:31
    gia chissà.
    bellissimo spunto per riflettere.
  • claudia pinheiro montenegro il 16/02/2011 11:23
    Oi Don,

    um abraço,
    Jesus te abençoe,
  • Giacomo Scimonelli il 16/02/2011 08:36
    :bravoiaciuta Don

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0