PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le acque

Amico fiume, che passi sotto casa mia, ogni giorno ti sto ad osservare,
permettimi, ti prego, qualche rigo ti voglio dedicare.

Mi trovo in mezzo la bosco sulle colline intorno al mio paesello all'imbrunire,
all'improvviso un lampo, un tuono ed uno scroscio di acqua a seguire.

Mille rivoli si formano in fretta e tanti ruscelli si vanno ad incontrare.
Guardo quell'acqua che passa così in fretta, con lei vorrei andare.

"Ti prego, portami via,
in fondo finirai sul fiume che passa davanti a casa mia,

lì mi potrai lasciare,
senza alcun timore".

Un lampo ed un tuono ancora, mi risvegliano da miei strani e cupi pensieri
che non sono solo di oggi ma anche di ieri.

È quasi notte ormai.
Quante difficoltà, trovare il giusto sentiero sai.

tutto bagnato,
stanco ed avvilito,

più di un cane bastonato
anche se a fatica, finalmente, a valle sono arrivato.

Non vedo più quel ruscello
che mi pareva così dolce e bello,

ma un fiume, con le sue acque minacciose, che tutto portano via,
si, proprio quelle acque che passeranno davanti a casa mia.

Le guardo con rispetto e con paura, certo, queste più non si fermeranno
e senza alcun timore fino al mare arriveranno.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 21/04/2011 09:13
    molto bella,

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0