PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vaniosa

Ho sentito la tua voce nella mia testa
risuonava come fosse musica
e il telefono risultava attaccato
al mio cuore per sentirti meglio
svegliarmi così ha riempito di miele
una giornata grigia e cupa
così come doni colori,
li puoi anche estrapolare.
Anima vaniosa un fiore ti offro,
e nella guancia te lo passo.

Torno indietro a dicembre
mentre sfoglio i nostri ricordi
e tu continui a cercarmi
tra una voce ed un passo.
Il vento fa danzare il tuo corpo
la tua voce risuona nella testa
mentre spedivo a te,
l'ennesima lettera.

Siamo diversi punto.
Ed io adoro il nostro essere diversi,
donami colore e offrimi tesori
abbracciami coccolami.
Ho visto, la tua faccia nella mia mente
quasi fossi nella stessa via.
Volevo poterti sfiorare, la gente non capirebbe
e ucciderebbe questo mio.
Ma la musica ridonda il Sole e tu
stai attento ai particolari così mi
fai vibrare ora, con te ora.
Non è semplice, nè difficile,
c'è sempre,
quel momento in cui respiro con te.

Con te, con te.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/03/2014 02:03
    Molto apprezzata questa tua..

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0