PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solitudine

Ecco, la sento.
Sento i suoi artigli che già
afferrano gli abiti che indosso.
Sento già il suo fiato pesante
che sposta i miei capelli.
Arriva, è qui.
So che soffrirò.
Penso già al dolore della mia carne
dilaniata dalle sue zampe.
Il mio collo sarà presto preda
delle sue fameliche fauci.
Una bocca che è stata il
terribile antro di molti,
mi inghiottirà.
Non posso resistere?
Avessi almeno il tempo e
la forza di voltarmi,
avessi almeno la capacità
di vedere il nemico in faccia.
Nell'ultimo spasmo d'orgoglio
alzo lo sguardo e vedo la mia ombra.
E vicino alla mia ombra altre sagome
si stagliano tutt'intorno.
Non sento più il fetore del suo alito,
non sento più i denti assassini,
l'artiglio si ritrae e svanisce.
Non sono più sola.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Sergio Fravolini il 20/02/2011 08:02
    Il titolo... il titolo quasi impronunciabile.

    Sergio
  • valentina gargaglione il 20/02/2011 01:10
    la solitudine era la mia paura più grande... ho imparato ad apprezzarla quando realmente mi sono trovata sola, e adesso non mi fa più paura e a volte sono io a cercarla.. complimenti, bei versi.
  • loretta margherita citarei il 19/02/2011 21:31
  • Giuseppe Tiloca il 19/02/2011 13:10
    Và, e viene, sparisce ritorna silenziosa, non lo si sà mai quando potrebbe arrivare.
    Signora solitudine, coi suoi artigli non piace, nell'altra sua parte, andrebbe apprezzata.
    Brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0