accedi   |   crea nuovo account

Il sole finto e la falena

Ebbi tra le mani smorta falena
provata dalle notti insonni
passate a sbatter su lumi freddi.

Vi alitai tre volte cento fiati
attinsi a mille pozzi di colori
trasfusi la mia vita nella sua.

Volò iridata su iridi smorte
le stesse che la resero bigia
libera dal basto del passato.

Grata ritornava attorno al Sole
astro mi credette e si scottò
senza mai lambirmi labbro.

Spensi il calore e lei m'odiò
non volle credere che il suo dio
per non ferirla le fermò il cuore.

Ora si libra su petali irreali
spargendo insieme l'agre storia
e gran parte dei vividi colori.

Domani, quando s'avvedrà,
sarà poi tardi per rimediare;
sulle ali il grigio ricompare.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ELISA DURANTE il 05/04/2011 11:30
    Una metafora amara... e un po' triste...
  • Anonimo il 07/03/2011 10:08
    Complimenti un testo molto raffinato.-
  • valentina gargaglione il 20/02/2011 01:06
    veramente bella... complimenti..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0