PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Verrò da te

Verrò da te, finalmente!
Mi spoglierò di fumiganti nebbie metropolitane
ed avrò voce per udire
orecchie aperte per parlare.

Avrò stanze nell' anima,
grandi per ospitare
voci e ali di albatros e gabbiani,
mi vestirò di conchiglie
mi spoglierò di tutti i silenzi
che mi hanno ingabbiata
senza scampo,

Riuscirò ancora a volare
priva di peso, di nebbia e di polvere
priva di ricordi di ghiaccio, lo farò
per la mia anima ansiosa di calici di luce,
mendicante di briciole d'argento
cadute da un pane di luna.

Nella conca delle tue mani
mi darai da bere
le tue parole ambrate,
le mie labbra ancora
si bagneranno
d'amore!

(se tu mi chiami
con le mani tese,
chi potrà resisterti?)

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Angelo Senatore il 28/03/2012 15:38
    Eppero'... originale e bella!
    Belle le immagini... e il sentore arriva tuttoquanto...
  • Dora Forino il 24/06/2011 16:50
    Da pane di luna riuscirò ancora a volare
    priva di peso, di nebbia e di polvere
    priva di ricordi di ghiaccio, lo farò, ed io verrò da te.
    Versi ricchi di passione.
    Gradita.


    per la mia anima ansiosa di calici di luce,
  • loretta margherita citarei il 20/02/2011 21:59
    bella, complimenti marinella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0