PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inverno 1943

ricami di brina sui vetri,
la prima neve attenua voci
e colori, sarà l'ultima
notte qui -

poi un'alba livida
ci sorprenderà, piccole
macchie scure, ad arrancare
per i sentieri ripidi e candidi
della montagna -

la mia giacca, dall'inconfondibile
stella,
verrà cambiata con un
troppo grande cappotto -

fuggiamo verso un futuro
di stelle vere, non di pezza,
ricco soltanto del nostro amore-

polvere magica che ci aiuterà
ad affrontare fame, paura,
tutto l'orrore di questa
guerra-

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0