accedi   |   crea nuovo account

Letto di spine

Un raggio di sole illumina il mio viso segnato dal pianto. Da questo letto di spine mi alzo e trascino il mio corpo lacerato per questo bosco silenzioso. Sento in lontananza i passi della resa arrivare, mi lecco le ferite velocemente per essere pronta ad affrontarla. Vedo una piccola cascata, mi immergo in essa e nemmeno l'acqua gelata riesce a togliermi il torpore
che hai lasciato. Vorrei lavare via, insieme al tuo odore,
il suono delle tue parole che hanno fatto appassire le rose del mio giardino lasciando solo steli pieni di spine. Spine che pungono un cuore che voleva solo amarti. Parole che prendono vita danzando innanzi ai miei occhi stanchi di guardare
quel vuoto in cui mi sono persa. Parole che sapevano di buono, che annaffiavano quei fiori che davano profumo alla mia vita. Non c'è più odore adesso, non ci sono più colori che creano arcobaleni, e i miei occhi gonfi dalle lacrime si arrendono alla triste visione del nulla. Quel nulla che mi hai donato e che io ho voluto accogliere nella mia vita pur sapendo che era tutto ciò che potevi offrirmi. Rimango così a vagare tra i rovi, cercando quel seme che pianterò e che darà nuova vita al mio giardino, e quando ogni fiore sboccerà tu sarai solo l'eco di un pianto che muore tra lo splendore di un immenso prato fiorito.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 24/02/2011 00:03
    ti auguro che il sangue delle tue ferite, presto possa dare i suoi frutti e riesca a farti sentireun'eco sempre più lontano... nonpiù doloroso ma di semplice ricordo... brava... molto profonda e toccante
  • valentina gargaglione il 20/02/2011 23:10
    grazie giacomo.. a volte non è facile accettare le cose così come stanno, ci diamo tormento perchè crediamo nei nostri sentimenti e facciamo sogni che ci aiutano a vivere.. ma dal sogno prima o poi ci si sveglia e rimangono i ricordi a farci compagnia mentre guardiamo in faccio la realtà che non è quella che avremmo voluto... io mi sono svegliata.. ho preso coscienza e terrò in vita questo sentimento solo tra queste pagine.. basta è ciò che la mia mente urla...
  • Giacomo Scimonelli il 20/02/2011 15:57
    mi hai commosso Valentina... capisco il tuo stato d'animo... versi espressi in maniera dolce.. tristezza e malinconia vincono però sulla realtà che tanto ti fa soffrire... presa di coscienza di un amore che mai vedrai fiorire nel tuo giardino...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0