PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

150 anni dell'Unità d'Italia

Quanto avremmo voluto festeggiarli con solennità e gratitudine
per tutti quegli eroi che sparsero il loro giovane sangue per un ideale inseguito, raggiunto e appena assaporato
perché strappati alla vita e ai nobili progetti.
Noi ringraziamo sì valorosi personaggi,
ma che penseranno loro di noi che stiamo distruggendo
quanto di grande avevano realizzato?
Festeggiare centocinquanta anni di Unità, proprio nel peggior periodo
che ci vede disuniti, l'un contro l'altro armati in una umiliante lotta di potere,
di egoismo e di spregevoli ammiccamenti politici.
Possano gli artefici dell'Unità italiana perdonarci
per aver perduto il senso della fratellanza e del vero amor patrio,
che non può manifestarsi con il timido canto di un pur eccelso Inno,
ma con la convinzione di essere tutti figli di una strapazzata Patria.

 

3
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Mario Olimpieri il 03/03/2011 13:38
    Caro Ugo, tu sei un uomo che ha vissuto parecchie vicissitudini della nostra amata Italia, nostra davvero, e non certo di quei politicanti che pensano soltanto ai loro affari personali; da persona saggia, hai subito ben compreso e condiviso i miei pensieri, ti ringrazio e ti saluto cordialmente.
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/03/2011 11:14
    "... una umiliante lotta di potere, di egoismo e di spregevoli ammiccamenti politici". Hai detto tutto caro Mario, ma non se ne fraga nessuno; la voglia di potere è uno schiacciasassi immenso, fatto di metallo il più duro e dei peggiori, senza anima alcuna. Povera la nostra Italia e ancora: <Perdonateci nostri cari e veri eroi>.
  • Mario Olimpieri il 25/02/2011 14:20
    Un forte ringraziamento ai numerosi lettori che hanno condiviso i miei pensieri sull'Unità d'Italia.
  • Giacomo Scimonelli il 25/02/2011 00:37
    scritta benissimo.. contenuti ben espressi... piaciuta
  • Maria Rosa Cugudda il 23/02/2011 14:43
    Opera letta e analizzata con molto piacere!
    scritta con maestria sia nel contenuto sia nello stile!
    condivisa e apprezzata pienamente.
  • Michele Loreto il 23/02/2011 02:11
    nostalgica e retorica ma giusta. Ma se ci sono riusciti loro in una situazione molto più disastrosa di quella attuale, perchè non pensare che ce la caveremo anche noi? Fiducia, fiducia. Deve passare la nottata diceva Eduardo
  • salvo ragonesi il 22/02/2011 20:34
    bel commento di questi 150 anni e se ritornerebbero Mazzini Cavour Garibaldi e tutti coloro che hannoperso la vita li prenderebbero a sputi questi assetati di potere e di denaro
    ciao salvo
    .-

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0