accedi   |   crea nuovo account

Visita in cantina

Una candela
da accendere
in passi di penombra
il fresco a vista
lambiva gli intenti
legno, ferro, vetro
riportano lontano.
Il saggio di botte
come preludio
di un risultato certo,
il tempo come forma
di rispetto
e tutto come fuori
dal tempo,
l'eterno sopraggiungeva.
Comodi in discorsi
percezioni a confronto
scorrevano calde
ed evocative
i colori, le sfumature
il ricco riflesso
della terra tra le note
come sangue si genera
come intelletto matura
un abbraccio con le radici.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Antonio Pani il 23/03/2011 10:54
    Calda e avvolgente descrizione di un momento condiviso, fatto di sensibilità e "gusto" per la vita (e non solo). Uno scritto che profuma e invita il lettore a molteplici riflessioni. Molto apprezzata, complimenti. A rileggersi, ciao. Grazie per attenzione e commenti.
  • laura marchetti il 22/02/2011 20:59
    SENSAZIONI DI UN PRESENTE E DI UN PASSATO SENZA TEMPO... IN CANTINA

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0