PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ultimo discorso di Socrate

A tutti narrai le mie gesta comuni
e nessuno parlò al di fuori del Demone.
Lungo l’evento che mi giudicò
la mia parlante anima in qualche cielo andò
a domandare a Diotima per l’ultima volta
perché non ricordo i miei tanti amanti
perché torna a mente a me solo un amore.
Non ritrovo gli istanti ripercorsi nel tempo
ci son troppi momenti, forse uno soltanto
ma io resto oratore deciso e costante
nel volervi viaggiare come terre irredente.
E vi lascio l’istante che mi fece più uomo
senza volervi ingannare, né cercando il perdono.
(Inverno, 1999)

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • sara rota il 18/04/2008 08:35
    Bella, anche se personalmente io non conosco molto Socrate
  • Mario Secondo il 21/04/2007 02:45
    Magnifica veramente. Complimenti. Vota MS.
  • laura cuppone il 20/04/2007 21:10
    è semplicemente stupenda... ciaoL

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0