accedi   |   crea nuovo account

Maledetta

maledetta notte che non mi fa dormire,
non mi fa respirare,
sento l'ansia strisciarmi addosso,
e un pugno al diaframma colpisce il respiro.
Maledetta me che ho nella testa un ronzio d'api,
una folla di pensieri pesanti
come il fardello che porto in spalla.
Sono pietra buttata nello stagno
in acqua putrida, melma dall'odore acre
che espelle emozioni
rendendo vuote le mani
che da tempo attendono
il lieve sospiro che nutre,
che rigenera nuova vita.
Invano ho atteso il placarsi delle onde,
la risacca allargarsi, spandersi libera
dietro l'ostacolo di una ferrea mente
che non placa la sua ira.
Maledetto logorante pensiero
che trafigge l'altra parte di me,
ciò che il pianto celato in un sorriso
donava ai suoi occhi
silenziosi e stanchi.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • loretta margherita citarei il 25/02/2011 05:30
  • Anonimo il 25/02/2011 00:41
    Il finale mi da i brividi. Bellissima.
  • Simone Scienza il 25/02/2011 00:40
    Nella notte è sempre facile
    pescare i pensieri pece
    che ci otturano la pace

    Sofferta... con dei passaggi da Maestro
    ... Anna, non pescare troppo
  • valentina gargaglione il 25/02/2011 00:14
    toccanti parole.. arrivano dritte al cuore.. complimenti
  • YURI STORAI il 24/02/2011 23:51
    anche te stai male...
    in bocca al lupo
  • Giacomo Scimonelli il 24/02/2011 23:40
    è straordinaria x intensità... tra le tue più belle...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0