accedi   |   crea nuovo account

Sciavuru

Miii...
chi sciavuru ca sentu
d'aranci e di limuni
sciavuru di mari.

Minnagghiri lestu
ca casa vogghiu iri
nveci mi fermu
a taliari lentu
u mari sta terra mia.

Chi duci cumpagna
chi duci silenziu
lassatimi minnivaiu
sulu quannu
veni scuru.


Profumo

Ohh
che profumo che sento
di arance e di limoni
odore di mare.

Devo muovermi in fretta
che a casa bramo andare
ma al contrario mi fermo
a contemplare lento
il mare questa terra mia.

Che dolce compagna
che dolce silenzio
lasciatemi vado via
solo quando
arriva il buio.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/07/2013 20:25
    Molto piaciuta.. complimenti.

5 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 11/03/2011 21:04
    Ha il calore del sole di Sicilia e il profumo degli aranci e dei limoni li sento fino a qua. Bravo, anzi bravissimo!
  • Anonimo il 11/03/2011 11:47
    Chi ciauru, chi ciauru di balicheddu e rosi 'aranci, menta, rosamarina e limuni...è chista è a Sicilia e l'abitanti soi... Adoro il nostro dialetto anche se di zona in zona(io sono di Siracusa) cambia un pò. ciao
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/03/2011 10:11
    Quando se ne ha padronanza, il dialetto vale più della lingua madre; a volte anche le facezie proverbiali sono poesia. Qui Pettineo dà prova certa che per lui, in vernacolo o in italiano, i suoi versi sono sempre poesia.
  • Anonimo il 02/03/2011 18:55
    Eccezionale. Leggendola ho sentito l'odore delle arance e dei limoni, misto al profumo delle alghe del mare. hai saputo dare delle splendide immagini questa tua creatura. Complimenti sinceri.-
  • loretta margherita citarei il 02/03/2011 17:56
    splendida

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0