PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per Daniel

Capelli ricci, sguardo vivace,
viso da bambino
vent'anni appena e un peso troppo grande
da portare,
stringevi nei pugni chiusi le tue paure
inseguito da una angoscia che
ti ha spezzato il respiro,
cullato tra le braccia di una notte
troppo fredda

Non ha il viso di una mamma la morte,

non guarda mai negli occhi,

si è portata via i tuoi anni

Ho visto il giorno piangere e

la carezza di tuo padre posarsi lieve,

per darti calore

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 03/03/2011 13:51
    Un dramma così profondo e difficile da superare! Poesia molto dolce, brava Laura!
  • anna rita pincopallo il 03/03/2011 10:56
    poesia molto bella ed intensa dedicata ad una giovane vita che non c'è più
  • Hila Moon il 02/03/2011 23:00
    molto triste, come ogni perdita, sopratutto quando riguarda una persona così giovane! Forte, intensa...
  • Anonimo il 02/03/2011 21:32
    una perdita che ci stringe il cuore con tanto dolore, povero giovane. ciao Salva.
  • Bruno Briasco il 02/03/2011 19:22
    Senza parole se non un muto dolore per chi ne è colpito.
  • Giuseppe Tiloca il 02/03/2011 18:18
    È bella. Forte e sentita, mi unisco al dolore, anche io.
  • loretta margherita citarei il 02/03/2011 17:48
    terribile, m'unisco al tuo dolore, quando un giovane muore è come se partisse parrte della speranza, bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0