accedi   |   crea nuovo account

Ricordi del giovedì grasso

Vagano nella mente,
non più vissuti,
lontani ricordi,
di un carnevale dei tempi andati.
I contadini in quel periodo facevano festa,
del maiale erano gli ultimi grugniti.
Nella giornata del giovedì grasso
per le campagne mascherati,
giravano giovanottoni,
da pagliacci più o meno vestiti.
Il baldaccio in testa,
così veniva chiamato chi la comitiva primeggiava.
Lo spiedo, di legno, in mano a mo' di lancia,
petto in fuori, passo svelto,
senza un filo di pancia.
Cappello a cono fatto di cartone
simile a quello dell'asino alle elementari.
La maschera, artigianale di circostanza,
bene nascondeva ogni sembianza.
Chi lo seguiva,
il paniere, il sacco o la fisarmonica portava.
D'obbligo era fermarsi ad ogni casolare
tutti insieme,
sempre pronti alla burla ed a ballare.
L'organetto suonava un tango un po' storpiato,
un valzer, dal tempo sorpassato.
Tutti in allegria,
ogni amarezza quel giovedì,
la musica portava via.
Su ogni mensa,
era pronto il vino, il pane ed il salame,
come usanza
e come buona accoglienza.
Lardo, salsicce, uova e grano erano donati,
i danari pochi,
solo sognati.
Al giungere della sera, la festa finiva,
tutti in un casolare riuniti a gozzovigliare.
Quando il sole spuntava
ognuno con i propri pensieri, barcollando,
la strada per la dimora riprendeva.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Virginio Giovagnoli il 04/03/2011 16:57
    Vissuta nella mia gioventù, come giustamente dici, altri tempi. Grazie.
  • Anna Cervone il 04/03/2011 08:57
    È stata piacevolissima la lettura di questa poesia che riporta indietro nel tempo, a una civiltà contadina che ormai non c'è più, a sapori luoghi e profumi d'altri tempi sapientemente descritti. Bellissima la chiusa finale :ognuno, allo spuntar dell'alba, torna a casa barcollando con i propri pensieri ;finita l'euforia del carnevale si ritorna alla vita di sempre.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0