username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ricchi...

Le menti aperte e sincere
sono ormai rare
siamo tutti pronti
a risparmiar l’ingegno proprio
e a usar quello altrui

Invidia e gelosia
guidano le vicende
di vite senza orgoglio
e senza mete.

Nel liquido vitale
di questi genti anonime
circola la piccineria
con molecole nobili
confusa.

Ogni uomo dispone
di tempo libero in matasse
perché il lavoro usa addebitarlo
a macchine robotiche
che non hanno parole
per comunicare
e cuore
per amare

Ognuno di noi ha ingegno
per costruire mondi e prosciugare mari
per far volare sogni, addolcire e lenire dolori
per asciugare lacrime
e seminare...

Tutti ricchi di questo e di quello
ma incapaci di creare
perché ormai
nel mondo
non c'è più
modestia

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • pietro luigi crasti visintini il 16/07/2008 06:41
    Brava, una poesia denuncia. Poesia d'impegno sociale!
  • terry Deleo il 03/05/2007 17:06
    versi realistici, personalmente trovo questo mondo senza valori. brava a rileggerti
  • Antonio Pani il 26/04/2007 17:29
    Lucida istantanea del nostro tempo, del mondo che si muove e ci trasporta. Tanto in superficie e, spesso, poco o nulla in profondità. Molto vera, brava. Grazie per la tua attenzione e i tuoi commenti, a rileggersi, ciao.
  • NICOLA RICCHITELLI il 23/04/2007 15:25
    molto bella
  • Tony Golfarelli il 23/04/2007 07:32
    Non posso dare commenti sulla lirica, non ne sono in grado, ma pure io speravo in un finale dove la bellezza della vita e delle persone venisse fuori, Va be, alla prossima ciao.
  • michele marra il 22/04/2007 17:50
    La poesia per avere un futuro deve tendere all’essenzialità.
    Superiamo il decadentismo con una nuova poetica di ricerca dei termini, di corretta allocazione della parola, di messaggio completo e compiuto, prima nella mente del poeta e poi esteso agli altri.
    La lirica non può essere solo sfogo del poeta, ma messaggio per gli altri.
    Cosa deve fare il poeta? La sua è la ricerca della parola, del termine giusto da inserire al proprio posto, della scultura del “termine” della venatura della parola, come se fosse marmo. Solo così decollerà il nuovo rinascimento della poesia.

    Michele Marra
  • rossella bisceglia il 21/04/2007 22:08
    apprezzata, brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0