accedi   |   crea nuovo account

I tuoi rumori

Il tuo aprire il portone,
I tuoi passi sulle scale,
il tuo entrare sotto le coperte
sono ormai solo rumori
e tu sei rumore:
dissonante, atono, insistente!

Questa fine insostenibile
è un punto diventato linea
mentre tardano i pensieri
almeno quanto i giorni
che ci separano
da quanto è già diviso.

Questi tre punti diventano uno
ed io per te solamente
nessuno

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Aedo il 04/03/2011 23:50
    Il ricordo dei rumori... per poi giungere ad una grande malinconia. Bella poesia!
    Ignazio
  • Vincenzo Capitanucci il 04/03/2011 10:44
    Bellissima Vincenzo.. un punto in movimento.. senza dimensioni...

    sono ormai solo rumori.. insostenibile..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0