username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

DANNATA!!!

So esattamente
A cosa pensi
Riconosco quel sorriso
Di compiacimento
Mentre la guardi e ti senti
Uomo
Bagnandoti le labbra
Sfregandoti le mani
Non so chi tu sia
Ma so
Cosa sei
Li riconosco a chilometri
Gli animali come te
Beh, sai che ti dico?
Dovresti smettere di respirare,
ti si dovrebbe fermare il cuore
dovresti scomparire
e ritrovarti all’inferno…
Forse
nemmeno i vermi
apprezzerebbero la tua carne
Ed io…
Io sarei così stupida da pregare per te
sollevata dalla tua assenza
e per i miei desideri
Dannata…




(primavera 1983)

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

21 commenti:

  • laura cuppone il 29/04/2009 11:52
    Grazie Michela...

    un abbraccio
    Laura
  • michela bortolotti il 29/04/2009 11:45
    dolore condiviso. ricordo perseguitante.
  • laura cuppone il 15/12/2007 10:43
    Ciao Paola..
    questa poesia è la punta dell'iceberg..
    mi spiace che anche tu "conosca" quel dolore..
    ma se la nostra natura non ha nulla a che fare con quella del "demone" è naturale che smetta di odiare..
    l'amaro fiele si assapora nel ricordo e ci riporta indietro ogni tanto..
    ma è per il nostro bene che resta solo quel fiele, non per il male del demone..
    la sua colpa da espiare non è più affar nostro.. se il suo tempo qui è finito..
    a volte è difficile descrivere a parole ciò che si prova..
    un abbraccio..
    grazie
    Ciao L
  • Paola Reda il 15/12/2007 08:09
    L'ho riletta per l'ennesima volta. Mamma mia, quando scrivevo io a "cotal proposito" credevo di essere inc.. ta, ma ero un candido fiore di campo!
    Sappiamo quanto fa male, Laura, vero? Allora vorremmo uccidere con le parole, ma... il cuore è un'anarchico e pensa per conto suo. È lui che dovremmo uccidere! Infatti, quando il tempo passa e lenisce le ferite, anche il cuore smette di farci soffrire ( ma ogni tanto ci riporta alla mente qualche ricordo).
    Poesia sempre più bella e sanguigna.
  • laura cuppone il 15/12/2007 00:26
    Ciao augusto..
    lo schiaffo.. si... nell'essere diversi... da chi ci è ostili..
    e provare pena... per i vermi...
    e pregare per le loro anime... perse...

    ciao L
  • augusto villa il 14/12/2007 16:41
    Bella... Uno schiaffo...
    Bella la chiusa! Brava!
  • laura cuppone il 01/11/2007 01:30
    ... superficiale e sbrigativo il tuo giudizio.. sicuramente involontario e dettato dall'ironia del momento e non dall'approfondimento della poesia..
    poco male..
    succede di sbagliare..
    non importa..
    grazie della visita comunque.
    ciao L
  • laura cuppone il 17/10/2007 00:29
    ... nonostante tutto, si...
    ciao L
  • Paola Reda il 09/08/2007 19:39
    Che dire?
    Hai già detto tutto ciò che era possibile dirgli.
  • ELENA MACULA il 09/05/2007 13:23
    che dire lascia senza fiato e cio che la maggior parte delle donne non trova il coraggio di dire ai l'oro innamorati perche troppo cieche dall'amore che da ma non riceve ma son sicura che se la leggessero troverebbero quella forza che qui tu hai espresso complimenti
  • sara rota il 30/04/2007 08:11
    Bellissima poesia, rende la visione dell'uomo crudele, che tratta le donne solo come se fossero "carne". Brava
  • NICOLA RICCHITELLI il 23/04/2007 17:10
    BELLA
  • Riccardo Brumana il 23/04/2007 00:54
    poesia legata a "datura (angelo violato)"... quanta rabbia in te! quanta forza! mi piace come lasci sfogo alle tue emozioni. poesia liberatoria... magnifica!
  • Donatella il 22/04/2007 20:31
    carina... dannato!!! avresti dovuta intitilarla
  • Diana Moretti il 22/04/2007 10:22
    bella. Incisiva. Mi è piaciuta.
  • luigi deluca il 22/04/2007 07:55
    Una rabbia legittima, sai come la penso al riguardo, questi esseri sono peggiori degli animali, e credimi, non meritano neppure la pietà delle tue preghiere!
    Un fiore per te,
    gigi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0