PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Verità

Non so più capire dov'è il margine della follia
nascosta dietro sorrisi che pungono come spine,
le sento e non capisco,
o forse... non voglio capire.
Accarezzano l'anima e poi la mostrano nera al mondo
davanti agli occhi increduli
di chi ha creduto in loro senza veli.
Pregano dio... ma solo per se stessi,
lo innalzano con le parole
e poi trafiggono il loro prossimo
con ipocrisia generata da falsità
che non parla e non ride
fatta solo di gesti robotici
senza cuore nel petto.
Si fonde tra le mani
la consistente struttura,
anni di lavoro crollano
come palazzi in preda ad ictus cerebrali.
Mi riprendo me stessa,
forse farò di nuovo gli stessi errori
ma dentro sarò libera
libera di gustarmi la vita
non il sapore amaro del loro alito pesante.
Ora vedo, guardo, osservo,
le bende sugli occhi scivolano leggere
sul pavimento lucido, pulito
che mai ha visto tante verità.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 07/03/2011 21:57
    "le bende sugli occhi scivolano leggere
    sul pavimento lucido, pulito
    che mai ha visto tante verità."
    Brava...
  • Don Pompeo Mongiello il 06/03/2011 19:27
    Bei versi, armoniosi e sinceri, che portano alla luce verità che da dosso scrollar spesso si vogliono, perché pungono e fanno male. Complimenti!
  • loretta margherita citarei il 06/03/2011 06:35

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0