PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'angelo in te

A volte si medita
In bui attimi:
a che serve piangere...
Basta invece
Indurire il cuore
con l'indifferenza
affinché sensazioni
non feriscano.
Ancora,
che serve prendersela
con il destino,
basta farlo scivolare
nel tempo
per presentarsi presto
alla sua fine...
Poi improvviso
la tua cagnetta ti osserva
perplessa,
poi mogia s'accuccia
vicina e pone una zampa
sul tuo piede ...
Quasi sorpresa
ti accorgi del suo silenzio,
fai un mezzo sorriso,
e pensi:
sarà in lei presente un angelo
che vuole darti coraggio
rassicurando che tutto passerà.
Ti sollevi decisa,
e lei ti segue, e scodinzola,
e salta intorno
fissandoti allegra.
In cucina prepari la ciottola
e mentre mangia, spesso,
ti guarda con i suoi occhi di stelle
e allora sorridi, sì, sorridi,
ora distratta di te
ma felice d'essere immersa
nella sua realtà d'amore!

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Sergio Fravolini il 18/04/2011 18:42
    Molto bella mi piace.

    Sergio
  • Anonimo il 12/03/2011 11:52
    quanta tristezza... mi ha molto colpito la particolarità dello stile...
  • giampaolo marcialis il 07/03/2011 10:43
    non capisco. Effettivamente sei di una tristezza unica. Almeno dedica un sorriso ai bambini ricoverati presso i reparti di oncologia pediatrica o recati per regalare una carezza però sincera
  • Aedo il 07/03/2011 00:26
    Sì, dopo il buio delle delusione, si ricomincia ad amare. Bella poesia!
  • loretta margherita citarei il 06/03/2011 22:14

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0