PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Italia mia

Non bastano fiumi di parole per descrivere
le bellezze dell'Italia mia.
Tu grande, sofferta, amata e bella
Patria mia!
Orché nell'aria echeggia
la melodia dell'inno che un giorno
han dedicato a te, il cuore esulta
e come per magia ogni tristezza scivola via.
A volte ferita, non sconfitta,
la forza tua è un grido racchiuso dentro una parola,
un grido di dolore
che l'uomo sempre anèla in fondo al cuore.
Libertà.
Tu libertà, quanti figli vedi
e hai visto piangere, con la vita un tributo
han pagato per te!
Tra la neve nei monti ci mancava un colore,
il contrasto al candore, fosti tu, liberatore
che gli offristi il colore e del sangue vermiglio
si mischiò a quel biancore!
Pittoresca visione!
Il candor della neve, con quel rosso colore
e le verdi colline tre colori formò,
l'armonia dei colori piacque molto alla terra
che inneggiando al Creatore quali fiori
al suo cielo donò.
Nel rimembrar di voi sarà una festa,
decanteremo l'ardite gèsta, innalzeremo al cielo
la bandiera che un giorno fu difesa con onore.
Se pur sofferto è dell'Italia il simbolo,
il suo nome?
È il Tricolore.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Francesca La Torre il 06/03/2011 21:30
    Sono pienamente d;accordo sulle bellezze della nostra italia, ma purtroppo non basta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0