PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il coraggio

Giunta al monte non trovai nessuno
come Caronte trascinavo qualcuno
e parlare serviva per buttare parole
come l'acqua in riva o nel prato le viole.
Essere sola non creava dolore
pensavo alla malora del mio vecchio amore
ringraziavo il cielo per avermi svegliato
promettevo lo stelo del mio più grande peccato.
Ma oggi è un nuovo giorno e vedo un nuovo sole
e nel mio vivere intorno ho tante parole
nelle mani ho l'orgoglio di aver vinto la guerra
dentro il cuore un germoglio che colorerà la terra.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 09/03/2011 14:14
    " Ma oggi è un nuovo giorno e vedo un nuovo sole
    e nel mio vivere intorno ho tante parole
    nelle mani ho l'orgoglio di aver vinto la guerra
    dentro il cuore un germoglio che colorerà la terra". si è la via migliore così l'anima si empie. ciao Salva.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/03/2011 11:13
    ringraziavo il cielo per avermi svegliato...

    Molto bella Silvia.. un germoglio.. colorerà la terra.. sbocciando da un nuovo Sole..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0