accedi   |   crea nuovo account

L'ombra della mia luce

E per un attimo
Ho creduto di essere dio
Ho creduto di essere invincibile
E li guardavo... gli altri...
Puzzavano di "normalità"
Allontanavo il loro
Opprimente credo
Che mascherava la mia Natura
Reprimeva i miei istinti.
Fagocitavo
Ogni loro ipocrisia
Urlando come una bestia
In preda alla pazzia.
Ho vissuto nel sogno
E poi nell'ebbrezza
Che del sogno
È sua coscienza.
Sarebbe stato meglio
Tornare a fissare
La mia immagine
Riflessa su di te
Annusando la vita
per coglierne il significato.
Invece ho preferito
Demolire ogni senso
Frantumando in mille pezzi
Quello specchio in cui
Tu riuscisti a scorgere
Solo l'ombra della mia luce

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 22/04/2011 13:23
    cavolo che bellezza, mi ha lasciato senza parole rendendo difficile di conseguenza anche un commento decente.. complimenti davvero
  • vincenzo rubino il 10/03/2011 10:31
    veramente bella nella sua poetica e nel suo contenuto che tra l'altro si sposano molto bene nel tuo scritto... ciaooo a presto.
  • Vincenzo Capitanucci il 08/03/2011 10:59
    E poi nell'ebbrezza
    Che del sogno
    È sua coscienza...

    Splendida Origene... nei miei geni ori.. ma Tu vedesti solo l'ombra della mia luce..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0