username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Mareggiata

Sibila il vento in questa notte di luna.
le onde s'infrangono sugli scogli dolenti,
e sulla oscura battigia esplosioni di schiuma.
Depone la furia sulla riva frustata:
e le alghe, e i pesci marciti, e gli oltraggi subiti.
Geme una barca dai legni feriti,
mentre adagiata su un fianco mostra lo squarcio.
Nella furia degli Dei, trascorse le notte.
Che limpido cielo questa fredda mattina!
La mareggiata notturna, or s'è placata.
La spiaggia si asciuga al timido sole,
la salsedine in aria spande il suo odore,
che una brezza leggera porta dal mare.
Un bambino gioca felice rincorrendo il suo cane,
un volto di donna mi guarda e sorride,
mentre una barca veleggia nell'azzurro lontano.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 26/10/2015 02:14
    apprezzata... complimenti.

6 commenti:

  • Anonimo il 10/03/2011 15:34
    Gentile Bruno oltre a leggere una bella poesia mi è sembrato di ammirare un bellissimo quadro pieno di bei colori Complimenti!!!
    PS ho letto solo ora il commento di Loretta è strano la stessa mia sensazione
  • Cinzia Gargiulo il 09/03/2011 20:02
    Bellissimo il mare d'inverno e tu lo hai dipinto nei tuoi versi.
    Ottima poesia Bruno!...
    Un abbraccio...
  • loretta margherita citarei il 09/03/2011 19:34
    bellissima, hai pitturato un quadro con questa tua poesia, complimenti
  • Anonimo il 09/03/2011 14:18
    Il mio commento precedente non è apparso. Perciò, ti dico che le tue poesie mi piacciono sempre, perchè hai un modo di scrivere limpido, sereno ed elegante. Questa poesia è quasi un quadro impressionista che con attente, sentite e sicure pennellate descrive il paesaggio marino in inverno. Un quadro perfetto del mare in inverno popolato da pochi personaggi che amano guardare il mare in silenzio. Ti ho già dato 5 stelle prima. Bravo Bruno.
  • Anonimo il 09/03/2011 14:12
    Bella poesia che descrive il mare d'inverno, quasi un quadro dove si animano cose animali e persone. Mi sembra di vedere il mare quando ormai i bagnanti non ci sono più e e si può ammirare serenamente tutto ciò che accade sulla spiaggia quasi deserta. L'occhio attento e profondo guarda ogni cosa intorno e il cuore è pervaso da una certa malinconia, quella bellezza malinconica del mare nelle giornate fredde. Bravo meriti 5 stelle. ciao. Enza
  • bruno guidotti il 09/03/2011 11:52
    Grazie al viandante che legge e commenta, grazie anche a colui, che non ha nulla da dire. Uno fuori dal coro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0