PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Supplico disperato

Supplico disperato al tuo amore di finire dopo il mio. E quando non ci sei più? Ci sarai comunque nelle mie storie, nelle mie folli favole. Tu eri il mio raggio di sole dopo il naufragio, che arriva flemmatico, ma arriva.
Amo la nostra incoscienza. Ed io resterò per sempre, immobile a guardarti sparire. Ma come un fantasma so che mi perseguiterai all'infinito. Anche se senza di te non posso più credere che qualcosa sia infinita.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 20/09/2014 08:54
    Dolcissima ed amara sequela di pensieri strazianti, scritti nell'unica musica che suona in un cuore sull'orlo del precipizio della solitudine imminente e che metterebbe un angusto limite alla propria visione dell'essere infinito. Contenuto particolarmente coinvolgente. Molto bravo.

1 commenti:

  • Francesco Giofrè il 18/03/2011 23:25
    spesso si dice "per sempre o forever" e poi invece termina cessa finisce tutto
    alcuni sentimenti però non moriranno mai in noi.
    alcune persone anche se ci hanno ferito nel profondo non riusciamo a gettarle via dalla ns vita

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0