PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Turpis

Fuggire:
assente all'appello del sogno,
e scoprire un mondo,
all'infuori del tuo
è mentire
se non è mio.

Mi sono rotto le ginocchia
nel sincronizzare il passo,
rifugio segreto immediato
dall'occhio saggio del maestro,
meta pericolo...
ho deturpato capigliature,
ho devastato vene,
caduto sempre più in basso,
alla ricerca di lingue vane
che svelassero le paure
immense
del mio essere grande
ed umano.

Una scintilla forse,
ma non sono lanterna
che spoglia corpo in tenebra.
Ho vergogna
e parlo di ciò che già sanno,
loro, i compagni
stretti verso l'abisso,
sempre meno spavaldi,
sempre più codardi.
Qui, dentro, dove
qualcosa si spegne sempre,
si deturpa,
si devasta,
si rompe.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 14/03/2011 07:58
    ''... Una scintilla forse,
    ma non sono lanterna
    che spoglia corpo in tenebra.
    Ho vergogna
    e parlo di ciò che già sanno,
    loro, i compagni
    stretti verso l'abisso,
    sempre meno spavaldi,
    sempre più codardi.
    Qui, dentro, dove
    qualcosa si spegne sempre,
    si deturpa,
    si devasta,
    si rompe.''
    senza parole... mi dispiace solo per i commenti che non trovo su questa poesia...è bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0