accedi   |   crea nuovo account

Al Mio Giappone

Occhi a mandorla che piangono
è diluvio universale
occhi pieni della vita
e dalla vita non se ne vogliono andare

Occhi fatti di oriente
e nel cuore angoscia rovente
occhi di un popolo che
se l'è sempre cavata da sè
e noi così occidentali
dobbiamo solo imparare
e noi così italiani
dobbiamo solo stare zitti, muti ad imparare

È un popolo che
non si piange addosso
come qualcuno di noi ha fatto
è un popolo che
è tanto grande da poter insegnare
la lealtà e la giustizia dall'oriente ad occidente

Perchè tu c'eri nei primi sogni miei
con i tuoi cartoni manga e cd
perchè tu hai cambiato il mondo
e del mondo ne sei il centro, si te proprio te

Occhi a mandorla che piangono
è terremoto di lacrime
mani di lavoro, dei vecchi che ancora insegnano
e dei bambini che imparano e leggono
di un popolo che ama dio come ama il suo Re
di un popolo che amo di più.. molto di più del mio
di un popolo che
se l'è sempre cavata da sè
e noi così italiani
dobbiamo solo stare zitti, muti a guardare
e imparare

È un popolo di Samurai
è un popolo che sa vivere di niente
ma che intanto ha costruito tutto
che non si piange mai addosso
è un popolo che
è tanto grande da poter insegnare
a cosa voglia dire lavorare, a cosa significa amare
a cosa voglia dire amare

perchè tu c'eri già nei primi sogni miei
con i tuoi cartoni manga e cd
perchè tu hai cambiato il mondo
e il mondo non ti cambierà mai
nonostante quel venerdì...
nonostante quel venerdì

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • giuliano cimino il 06/04/2011 14:21
    grazie bruno... di cuore
  • Bruno Briasco il 06/04/2011 11:57
    Avrei tolto la quartina del manga e cd... (mio personale pare che esce un po' da tutto il contesto). Per il resto sono affascinato del tuo scritto e della tua partecipazione ad un popolo che, come scrivi tu, s'è fatto da solo... ma ora, per continuare, ha bisogno della solidarietà di tutti. Bella esposizione. Adoro il popolo orientale.
  • giuliano cimino il 14/03/2011 18:53
    mi inchino io a te poetessa, e tutti davanti alla tragedia grazieeeeeeeee a tutti
  • karen tognini il 14/03/2011 18:31
    bellissima.. e tanto vera...
    mi inchino davanti ai tuoi versi...
    mi inchino davanti a questa ennesima tragedia...
    k
  • Giuseppe Tiloca il 14/03/2011 16:09
    Lasciamo i paragoni col popolo italiano, ma il sisma ha provocato l'ennesimo danno a tutti loro e questo dispiace. Giusto che, poi, si esprimono i propri pareri e questo é ciò che conta. Bella lettura
  • Vincenzo Scognamiglio il 14/03/2011 13:55
    Ben descritto il dramma di un popolo che tanto ha dato alla fantasia e alla tecnologia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0