PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Civile, o incivile, civiltà?

Lo chiedo a questa civiltà
che vive il giorno in nobiltà!
Come mai, centinaia di generazioni,
con l'energia delle vene ha scaldato i cuori;
in guerra e pace tra le nazioni,
odio, amore hanno percorso nelle gioie, nei dolori!
Ora che a noi, il secolo passato ci ha detto:
"Quell'energia che corre dentro il cavo è migliore"!
S'illumina la mente sotto il berretto
e tutto viaggia, dentro quel tondino con vigore.
Si trova quest'età, che vivere più non può,
senza quel cavo e quei tondini
che il tempo senza fatica abituò.
L'oggi può, far corre il pianto sul viso dei bambini?
Le civiltà rivivono nelle favole della storia,
ma la nostra, è veramente una vittoria?
Ma forse, la preoccupazione mia
si focalizza solo sull'economia!

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 24/03/2011 16:09
    tanà sempre bravo nell'esporre tematiche complimenti
  • vania antenucci il 20/03/2011 23:36
    Condivido di quello che hai scritto mi è piaciuta bella ciao a presto
  • Giuseppina Iannello il 20/03/2011 16:42
    Traspare sempre nelle Tue poesie il sentimento religioso, che s'interroga sempre su pensieri ed opere.
  • Matteo Reggi il 19/03/2011 22:37
    Bellissmia: Si trova quest'età, che vivere più non può, senza quel cavo e quei tondini. Piaciuta! Un saluto... TEUS!!
  • Ugo Mastrogiovanni il 17/03/2011 19:34
    D'agostino ben descrive la nostra realtà, quella che oggi ci costringe a pulsioni egoistiche, aggressive ed autodistruttive. Dimentichi dei valori della civiltà che ci preceduto, ci siamo incanalarsi per altre vie, le vie della produzione del reddito, l'unico che apprezziamo, mentre stiamo dimenticando l'arte e la scienza che ci hanno preparato via della modernità che viviamo.
  • Annamaria Ribuk il 15/03/2011 08:55
    ... la società siamo noi... noi che corriamo, a volte invano... e ci perdiamo...
    un abbraccio grandissimo a te!... Ann!
  • karen tognini il 14/03/2011 21:38
    si stava meglio quando si stava peggio!!!...
    chi lo sa... forse... o forse è che siamo tutti viziati dal benessere...
    bellissima riflessione...
    ciao
    k

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0