accedi   |   crea nuovo account

Amica mia

Le membra pregi di miselle vesti,
con maglia rada t'aduni l'osse
che raggelar ti senti nella catorba notte.
Eppur calano,
nel rimenar le vite andate
o di futur fidarne,
a cercar fomenta in te.
Con lampe insonni puntano l'omeri sporti,
ch'altera porgi a l'uiolar,
vengon'essi ad ossecrar
come a un carneo corporale
il tuo sommo figurare.
Ma dell'animo gettato sull'ombaco catrame
nessun può fiatare né stimar conviene,
Sol tu,
che dall'alti tacchi il volo spiccar vorresti
e l'amati sogni mai realizzar vedesti,
confessar lamento sai al cuor stremire.
Ma sei bella,
ti vai consolar dicendo senza fine
Quando la Luna muore
e fidi riveder.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • karen tognini il 15/03/2011 14:55
    Ma sei bella,
    ti vai consolar dicendo senza fine
    Quando la Luna muore
    e fidi riveder.

    Complimenti...è davvero molto bella...
    ciao...

    k
  • Simone Veltroni il 15/03/2011 12:50
    Realmente questa poesia porta il titolo di "A Masha (versione arcaica)" ma non potendo utilizzare commenti nel titolo stesso l'ho così pubblicata.
    Ad onor del vero, tutto qui.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0