username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Occhio malvagio!

Silenzio di camera buia
assorbito da ogni poro
della mia pelle pallida
musica triste, note mute
specchio di cristallo
in cui precipita
il mio riflesso urlante
in un nero maelstrom
di lampi e tuoni.
Strada deserta
di ombre lunghe al crepuscolo
battito d'ali felpato
che mi segue di soppiatto
pioggia di gocce dense
come sangue di bambino.
Tu Solitudine
come una fanciulla
dai seni pieni
dal ventre caldo
mi violenti
costretto in un orgasmo
di sudore e sofferenza
incatenato a te
non posso sfuggire.
Mia sovrana
dammi la libertà
uccidimi se vuoi!
Occhio malvagio.
Mia disperazione!

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Maria Rosa Cugudda il 12/04/2011 22:15
    Stupende immagini, per esprimere il dolore dell'anima!
    buono anche lo stile, apprezzata molto!
  • Antonio Pani il 01/04/2011 10:40
    Scritto pervaso da toni e immagini dai tratti cupi e angosciati, che avvolgono e "trasportano" in modo efficace. Molto apprezzata, complimenti. A rileggersi, ciao.
  • francesco giuffrida il 20/03/2011 14:12
    grazie a tutti voi. troppo lusinghieri i vostri commenti. ciao.
  • vale t il 17/03/2011 09:45
  • Giacomo Scimonelli il 17/03/2011 09:24
    ''... Tu Solitudine
    come una fanciulla
    dai seni pieni
    dal ventre caldo
    mi violenti...''
    mi dispiace solo per i pochi commenti...è bellissima... da 5 stelle
  • Kartika Blue il 17/03/2011 00:02
    semplicemente fantastica!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0