PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Diciannove marzo, come allora

Mi basterebbe averti qui
e sarebbe già una festa,
colorerei il tuo sguardo
di un sorriso,
ti regalerei quello che
custodisco gelosamente
dentro il mio cuore,
ma è quella eredità che
scorre dentro le mie vene
che mi tiene ancorata
alle tue radici,
foglia al vento
di una promessa
quella fiaba che mi raccontavi
ti ha trasformato in angelo
e le tue forti braccia
sono diventate ali
che accarezzano un ricordo,
c'eri tu, c'ero io
ci sarò, ci sarai ancora
auguri come allora,
babbo mio

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Aedo il 20/03/2011 23:48
    Una dedica speciale, che emoziona. Bravissima!
  • calogero pettineo il 19/03/2011 14:50
    molto emozionante.
  • Sergio Fravolini il 19/03/2011 11:56
    Desiderio molto bello...

    Sergio
  • Vincenzo Capitanucci il 19/03/2011 08:46
    Bellissima Laura..

    quella fiaba che mi raccontavi
    ti ha trasformato in angelo
    e le tue forti braccia
    sono diventate ali
    che accarezzano un ricordo
  • paolo veronesi il 19/03/2011 00:39
    elegantissima questa dedica da cuore di figlia a cuore di padre che vive ancora di una vita che non c'è

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0