PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

D'inganno

Assorto nel mio respiro
mi sveglio tremante
nella zuccherosa follia.

Gocciolano lacrime adesso
e nulla può scalfire pianti
stesi nei mille silenzi.

È questo uno strano risveglio
d'un martello fantasma
che sbatte lì dove
non si vede più la luce.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • karen tognini il 19/03/2011 13:58
    Molto bella Sergio.. siamo tutti un po' tristi in questo periodo... ma forse abbiamo solo bisogno della luce forte del sole...
    ciaooooo
    k

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0