PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Asettico, moderno

Plastificare la nostra vita,
renderla asettica,
provocare cardiopalmi,
inalare aria infetta.


La trasgressione umana
riduce le inibizioni,
provoca sfoghi allergici,
intrattiene le masse.


Una volta pensai...
Una volta sentii...
Una volta... una sola volta


La redenzione,
non aiuta.
Incautamente l'uomo
la sopravvaluta.


Chiarire la propria filosofia,
non aiuta.
Ingrata porta scompiglio,
miete solo deboli vittime.



Una volta pensai...
Una volta sentii...
Una volta... una sola volta

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Matt Sum il 20/03/2011 14:53
    Interessante interpretazione.
  • mariacarmela cortese il 19/03/2011 22:25
    È molto interessante il modo in cui hai scritto questo pezzo, in sintonia con il suo contenuto sul quale molte sarebbero le parole da spendere e poco si può dire in questa sede. L'omologazione tacita e cieca della gente alle correnti altrettanto tacitamente imposte per mezzo di silenziosi lavaggi della mente, ipnotici e dominanti. Ma dominanti perchè l'Uomo non ha interesse ad imporre la propria volontà, la sua stanchezza forse trova comodo il confarsi alla massa, come quando si chiudono gli occhi "5 minuti" il pomeriggio e due ore dopo si è perso l'appuntamento. Di incontri ne stiamo perdendo parecchi per questo. Giungere al punto di non ritorno in cui siamo giunti o quanto meno prossimi, non può aiutare molto, vuota consapevolezza di pochi che ne sottolinea il disagio. E il ricordo dei tempi addietro quando in società si viveva a misura d'uomo. D'umano.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0