accedi   |   crea nuovo account

Filastrocca del poeta

c'era un rimatore di paese
che non arrivava alla fine del mese,
ma lo vide un turista cretese
di larghe vedute e corte pretese
che gli disse: che ci fai in questo paese,
o rimatore di paese?

c'era un poeta di versi sciolti
che capelli aveva assai,
e assai incolti,
e pensò di fare pure il musicista,
si salvò perchè sposò
la figlia del farmacista.

c'era sul monte un verseggiatore,
che di nome faceva Salvatore,
il monte si chiamava Precipizio,
e non si seppe più niente di quel tizio.

c'era un poeta dal cuor di profeta,
che profetava solo a compieta,
nel resto del tempo poetava
e pure di mangiar si dimenticava.

c'era uno che faceva versi,
e gli affari suoi aveva tutti spersi,
allora pensò bene di riaversi
da quella sua mania degli eccessivi versi.

c'era un poeta bucolico,
per certi versi un po' antipatico,
a causa del suo essere frenetico,
lo giudicavan tutti assai malefico,
ma lui era solo, assai, benefico.

c'era uno che rimava spesso,
ma a pranzo c'era sempre e solo lesso,
un giorno gli venne voglia di arrosto,
allora di verseggiar lasciò tosto.

c'era un aedo di liriche astruse,
che si chiuse in casa
con tutte le porte chiuse,
e ciascun che lo cercava diceva:
dove sei mai, o aedo,
che non ti vedo?

 

6
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • rosaria esposito il 20/03/2011 17:16
    grazie, grazie a tutti. di tanto in tanto "filastroccheggio". mi pare un ottimo antidoto alle ugge.
  • Giacomo Scimonelli il 20/03/2011 12:44
    :bravoiaciuta... ben scritta
  • Sergio Fravolini il 20/03/2011 09:21
    Molto dolce e ben scritta.

    Sergio
  • sara zucchetti il 19/03/2011 20:29
    simpatica filastrocca

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0