PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

20 anni

Vent'anni son trascorsi
dal primo respiro,
dal primo vagito,
dal primo lamento.

Ora capisco il non senso
che ci spinge coma fa il vento
con le foglie d'inverno.

Spettatori di un mondo
che ci illude di un sogno
che viviam fino in fondo.

Amiamo, ridiamo, piangiamo.
Viviamo.

Vogliam lasciare il segno
sotto questo cielo indegno
di osservar l'umanità e il suo regno.

Dico quel che penso,
dico quel che sento
senza paura di quel che pensa
la gente borghese che benpensa.

Esercito il diritto
di dire e fare
non quel che è scritto,
quel che mi pare.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Roberto Luffarelli il 21/03/2011 23:22
    Ritmo, sonorità, sana rabbia e voglia di libertà. Mi viene in mente Cecco Angiolieri
  • franco picini il 20/03/2011 09:24
    Incisiva la metafora, e non solo quella, delle foglie e del vento, così come il sano spirito di ribellione targato vent'anni, che dovrebbe riaccendersi, ogni tanto, anche nei cuori di chi quell'età l'ha già superata da un pezzo.