accedi   |   crea nuovo account

Addio

Ghirlanda di rose
sul mio capo chino
rosse come porpora
calde come una ferita.

I miei occhi non
osano i tuoi.

I miei passi rintoccano
come campane
nel silenzio
pietrificante
di chi parte
senza voltarsi.

Avvolgerò con cura
ogni singolo petalo
li stringerò al petto
un'ultima volta
per lasciarli poi
scivolare via
nel vento.

Come un fantasma
stretto nel rimorso
spargo le mie ceneri
nei campi
affinché tu non mi possa
trovare ancora.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Filippo Minacapilli il 05/10/2012 09:57
    Bella... delicata... scorre fluida. Da rileggere e da "assaporare" ancora: complimenti!
  • Sergio Fravolini il 24/11/2010 18:14
    Molto bella specialmente il titolo.

    Sergio
  • Antonio Pani il 01/12/2009 19:00
    Intensa, lucida e accorata. Nonostante il dolore del momento e della percezione la trovo "molto poesia"; io l'ho sentita così. A rileggersi, ciao.
  • Gabriella Brancaleone il 05/05/2008 14:24
    e' una descrizione triste ma reale
  • Paola Reda il 26/08/2007 00:44
    Un addio doloroso e sublime allo stesso tempo. Forse addio vuol dire "a... Dio" il nostro dolore? Deputare le nostre sconfitte (in qualsiasi campo ) a colui che è al di sopra del nostro vivere?
    No, credo che addio sia solo una dovuta parte del nostro vissuto. Si dice addio a tante cose ed una di quelle che più ci fa star male è l'amore.
    Splendida poesia. 10
  • Diana Moretti il 21/06/2007 11:56
    Dire addio ad una persona che ha contato molto nella mia vita, con cui ho condiviso anni di gioie e dolori, è stato per me come morire e rinascere.. diversa. È stato per me come cambiare pelle..
  • sara rota il 20/06/2007 09:01
    Mi sembra di essere ad un funerale, ma quello nella bara non è una persona che conosco: sono io, io che compio tutto ciò che hai scritto... Molto reale...
  • Dario llll l ll il 08/06/2007 17:25
    Per chi crede che la morte sia la fine di tutto... invece ne è solo il proseguo! i cipressi piegati dal vento, non si inchinano forse alla morte che vi è sovrana? Nihil Verum Nisi Mors..
  • roberto mestrone il 12/05/2007 15:11
    Diana...
    Leggendo questa lirica...è un po' come entrare dentro il tuo cuore...
    Ti leggerò ancora...
    Ro
  • NICOLA RICCHITELLI il 11/05/2007 11:36
    molto bella
  • rexia argento il 03/05/2007 12:42
    la migliore. stile e velluto.
    meravigliosa lettura.
  • Riccardo Brumana il 26/04/2007 08:00
    non è il mio genere ma l'ho letta volentieri... piena di sentimento. brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0