PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Umanità

Il vento della terra
genera i suoi lamenti.

Si frantumano nell'aria
simili a schegge di vetro
incidenti e laceranti.

Oh Dio, quanto
subire ed attenderti?

I corpi da macello
torturati e seviziati
non distinguono più
la morte dalla vita.

I campi di morte
diventano una nenia muta
di fetore e disgusto.

Dai camini alti e vorticosi
s'alza il fumo
del ribrezzo umano.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Maria Rosa Cugudda il 20/03/2011 17:14
    Profonda e vera, ma Dio è sempre con noi, se sappiamo ascoltarlo,
    molto apprezzata!
  • Corrado Bono il 20/03/2011 17:05
    EMOZIONI...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0