PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fiammate de coscienza, la quale vede tutto ma nun pensa

Riuscì a prenne la vittima de petto
e a illuminà la scena der delitto
c'era la fiamma de un vecchio camino
che seguì quela scena cor rimorzo
d'avè fatto da luce a un assassino
che fece poi lo sforzo
de portà via quer morto
lontano tra li scoji presso er porto

Quanno poi l'omicida ritornò
sedette sur divano
s'accese na pajetta e la fumò..
Piangeva, era sconvorto.
Mò je faceva strano
ma a la fiamma je sembrò
de sentillo pregà..
- te rendi conto - disse - che stai a fa?
hai ammazzato da poco na persona
ch'è er più peggio de tutti li peccati
e mò invochi er Signore o li Beati? -
- eddai - rispose quello - e statte bona..
tu me giudichi senza sapè gnente
senza sapè manc'andò stà er movente..
sai chi era quello? no! tu nun lo sai!
tu nun me crederai
ma quello era qualcuno ch'era stato
capace d'ammazzà tante persone
in nome de la razza e sta ragione
è propio quella che l'ha condannato..
si tu me vedi triste e che stò male
è che sò ebreo, e sò quindi imparentato
co le vittime de quer criminale.
Io ho fatto solo un atto de giustizia:
sò na spia e eseguo l'ordini e de mio
ce metto puro er braccio e la furbizia.
Pe tutto er resto giudicherà Iddio.. -

La fiamma ch'ascortò quele parole
capi d'avè sbajato
chè troppo presto aveva giudicato
se commosse e sur viso
se sentì scenne du lagrime sole
ma se sà che le lagrime cor foco
nun ponno annà d'accordo manco un poco
così fù che se spense all'improvviso..

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ELISA DURANTE il 11/04/2011 13:57
    Una poesia profonda, che fa riflettere, come le migliori della tradizione romanesca.
    Ammazzete quant'è bbella!
  • Nicola Saracino il 10/04/2011 17:11
    Bellissima, profonda. Molto piacevoli i ritmi e le rime del romanesco. Grazie Giulio! Nicola
  • Anonimo il 10/04/2011 02:44
    Piacevole incontro, la tua opera! Molto ben scritta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0