PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cose perse

Afferravi quell'oggetto
lo tenevi in mano, stretto
Eri davvero sicuro che
fosse tuo, lo davi per scontato
Ma quando hai aperto il
palmo era sparito, svanito
A chi dare la colpa per
quello che è accaduto?
Non resta che andare avanti
fingendo di non averlo mai avuto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • nunzia viola il 08/04/2011 20:15
    ma dopo averlo perso perchè fingere di non averlo avuto? mitiga forse il dispiacere? non lo trovo giusto è come negarlo due volte quando lo abbiamo lasciato andare e quando fingiamo di non averlo avuto!!!
  • rosanna erre il 22/03/2011 19:55
    il significato della tua poesia (io la chiamo così perchè cosi è si capisce molto bene (a parte Silvia indendiammocci)
    mi sono soffermata sulle modalità della perdita per sembrare intellicciente
  • Uglisse il 22/03/2011 18:04
    @Silvia... oggetti certo, ma pure emozioni, momenti, etc chi più ne ha più ne metta!
  • Uglisse il 22/03/2011 18:04
    @Rosanna... le smarties non le perdo, le magno! Comunque il senso della poesia(chiamiamola cosìruota attorno alla "perdita", al fatto che avevamo una cosa ed ora che non l'abbiamo più magari ne scopriamo il valore!
  • silvia giatti il 22/03/2011 14:42
    io concordo con la visionaria interpretazione(è un eufemismo) di rosanna
    pensavo che c fosse qualcosa dietro, invece qui parli proprio di oggetti... a volte c identifichiamo talmente in ciò che possiediamo che quando le perdiamo..è come un po perder un pezzo di noi.. nel mio caso scatta la paranoia...
  • rosanna erre il 22/03/2011 09:47
    Prima di tutto ti consiglio di cambiare crema per le mani... quella che usi mi pare alquanto...
    scivolosa

    La metafora è molto azzeccata, anche realistica. Quante cose si perdono in questo modo, tipo: le chiavi dell'auto (parlo per esperienza personale) per questo hanno inventato le borsette e le tasche!
    Alcune cose invece nonè proprio che le perdi... ma evaporano o si sciolgono, tipo le smarties, e lasciano macchie colorate rosse, azzurre, verdi etc etc. Altre cose invece vengono assorbite direttamente dalla pelle ed entrano in circolazione insieme al sangue, tipo se stavi stringendo un cerotto di nicotina per smettere di fumare o un ricordo.
    Alcune invece, come dici tu, proprio le perdi... sono quelle che avevano bisogno di pensieri, attenzione e cure... tipo: quasi tutto! (anche le smarties)
  • Uglisse il 22/03/2011 08:09
    Il rimpianto c'è... quando scrivo "fingendo di non averlo mai avuto".
  • laura cuppone il 22/03/2011 06:05
    Rimpianto? A me sembra una constatazione...
    Piaciuta!!
    Laura
  • Uglisse il 21/03/2011 23:54
    "sei una capra" parlava di amore o comunque di rapporti sentimentali, questo parla delle perdite in genere(che possono essere varie). In comune hanno il rimpianto, quello si.
  • silvia giatti il 21/03/2011 23:24
    è un remix de"sei una capra"?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0