accedi   |   crea nuovo account

Nella luce della quiete

Mi distraggono risate
e faccio i conti col mio cuore
non ho altro
se non occhi e ricordi.

Distanti presentimenti
accaduti troppo presto
succederanno ancora
dov'ero un tempo.

La gioia e la tristezza regnano
in un mondo di fiabe di cartone
quando arriverà la stella
scoprirai di cosa brilla.

Luce pallida
intorno al buio
raggio nella notte
di canti invisibili.

Vivi nel vetro di una teca
aspetti il mondo che respira
solo musica assordante
nella mia mente.

Solo tu puoi guardare il sole
senza accecarti
solo tu in un angolo di pace
per accarezzarti.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/03/2012 16:27
    Molto ben strutturata nelle sue parti.
    Linguaggio forbito.
    Brava.

6 commenti:

  • Michele Loreto il 01/04/2011 03:05
    È bello vedere che ci si sforza ancora di cercare fiori in un quotidiano arido e pattumoso, opponendo il verso caldo e appassionante all'aridità di parole autocelebrative. Grazie per i tuoi dolcissimi versi, eco del saper amare a prescindere da tutto
  • augusto villa il 31/03/2011 17:15
    Poesia piaciuta... e complimenti per gli ultimi dolcissimi quattro versi...
    Brava! ----------
  • Ugo Mastrogiovanni il 29/03/2011 13:48
    L'artista lega l'invenzione formale dell'immaginazione alla tecnica del verso, sobrio e carezzevole, assimilando e spandendo tanta pace.
  • calogero pettineo il 24/03/2011 16:55
    lirica molto bella.
    complimenti.
  • Aedo il 23/03/2011 23:40
    La malinconia spinge il cuore nella lontananza dei ricordi, per raccogliere qulcosa che si è perso. Poesia bellissima!
    Ignazio
  • rosanna erre il 23/03/2011 22:22
    "distanti presentimenti
    accaduti troppo presto
    succederanno ancora
    dov'ero un tempo"
    questa strofa trasporta in una dimensione surreale di anarchia temporale...
    mi fa venire in mente qualcosa di simile ad un deja vu.
    La gioia e la tristezza dovrebbero essere contrapposte o quantomeno alternative una all'altra, invece nel tuo testo mi appaiono come un "ossimoro indissolubile" e camminano a braccetto...
    è una sensazione che sento molto vicina a me.
    Ciao Cristiana, proponi sempre delle letture emotivamente interessanti!
    Rosanna

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0