PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lo straniero

Lo straniero
Giunge per un motivo.
Entra senza bussare.
Chiede attenzione.

Tu non lo scorgi
Ancora non ti è familiare.
Lui si confonde tra la folla
Ma sa già
che sei tu
Quel che lui vuole.

Ti studia
E non puoi impedirglielo
Quando poi
Non ti aspetti di incontrarlo
Lui si rivela.

Ti sorprende
Ti scuote

Adesso lo scorgi tra la folla
Il suo volto è familiare.
Ora sai cosa vuole
Lo riconosci!

E non ti sorprende più
Non ti scuote più
Adesso che lo conosci
Lo smarrisci...
Lo Perdi...
Ti perde...

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Rosarita De Martino il 01/05/2012 20:47
    È proprio vero quello che tu dici: nel caotico anonimato cittadino siamo stranieri gli uni con gli altri. Sentiti complimenti. Rosarita
  • Aedo il 26/03/2011 00:23
    Bellissima la tua poesia, che assume un ritmo narrativo estremamente rapido e incalzante. Allora, chi è questo straniero che ricerchiamo e che ci sfugge continuamente? Complimenti!
  • loretta margherita citarei il 25/03/2011 21:08

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0