PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Conti in tasca

Ho cercato un volto perduto tra le pieghe dell'anima
tra quelli incrociati dal mio sguardo.
Ho fatto naufragio mille e mille volte,
su spiagge di anime abbandonate come me,
sperdute come atolli negli oceani dell'indifferenza,
rubando e dispensando conforto a reciproche angosce.
Ho soccorso anime reiette, destini sconfitti
senza attendermi nulla in cambio.
Ho percorso sentieri di morte,
ho visto giovani esistenze spezzarsi
nel gioco frenetico della vita,
lasciando le lacrime dei padri,
bagnare l'ultima loro eterna dimora
frutti ancora troppo acerbi
per essere strappati alla vita.
Ciò che resta dei miei giorni
è pane azzimo per fato
senza sapore alcuno,
senza appetito alcuno per la vita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • loretta margherita citarei il 19/05/2011 17:59
    ben scritta, complimenti
  • Anonimo il 19/04/2011 15:02
    È uscito uno smile che non ho voluto scusami...
  • Anonimo il 19/04/2011 15:01
    testimone di dolori, sofferenze, morte... deve essere stato tremento Paul...
    ciò che resta dei miei giorni è ... pane azzimo per... trasmetti tanto credimi... Complimenti
    ps ane azzimo senza lievito ma più calorico...
  • Anonimo il 06/04/2011 22:21
    La sensibilità si acquisisce secondo me con la sofferenza, tu sei molto sensibile traspare dalla tua opera, molto bella.
  • Francesca Cantusci il 05/04/2011 13:57
    A me sembra il pensiero di una persona delusa. Ma le delusioni ricevute, non fanno poi tanto male, anzi, rinforzano e in un certo modo ci rendono fieri. Danno un po' di sapore alla nostra esistenza. Il vero supplizio è accorgersi di aver dato o essere stata una delusione. Cmq, il tuo pensiero mi piace e gli do 5 stelline.
  • lucia pulpo il 04/04/2011 14:35
    ..."seenza appetito alcuno..."
    siamo in due! Non è bello ma è confortante sentire che altri sono sulla mia stessa spiaggia!
  • Laura cuoricino il 04/04/2011 12:15
    Leggere un componimento dell'anima, di un'anima che parla e vibra nella poesia e nella vita... Una condivisione di emozioni e sentimenti, un ritrovarsi, a tratti, un piacere leggerti...
  • paul von hofburg il 01/04/2011 15:05
    Ringrazio tutti per le belle parole espresse.
    A Bruno in particolare voglio dire che al di là delle esperienze fatte e dei momenti vissuti con i miei componimenti vorrei procurare a chi le legge un'emozione far rivivere un sentimento in cui chi legge in qualche modo si riconosce e che quindi può meglio di chiunque altro comprendere gli stati d'animo che si affastellano nella mente e nel cuore.
    Comunque grazie ancora per il lusinghiero giudizio espresso.
  • Bruno Briasco il 28/03/2011 11:04
    Sono sixcuro che se cerchi bene "tra le pieghe della tua anima" qualcosa di buono è rimasto... hai vissuto e porti con te un'esperienza di vita importante per chi ti sta attorno e per chi ti ama. Stai probabilmente attraversando un momento duro... ma ricorda che dietro l'agolo.. c'è il sole. Complimenti per la prosa, anche se molto triste e malinconica, però ben svolta.
  • Anonimo il 27/03/2011 23:22
    molto bella ma anche molto malinconica... se hai dato tanto non può restarti tra le mani così poco, alle volte non sembra ma tutto torna al nostro cuore anche quando alle volte ci pare impossibile... almeno io lo spero... la sento molto mia... bella!!!!
  • anna rita pincopallo il 25/03/2011 09:21
    bellissima 5 stelle meritatissime bravissimo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0