PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'amore del nulla uccide.

Era di marzo
o forse aprile
le vele sgonfie
e le rugiade
lenivano l’acne
acerbo di crudi rumori,
dolci insidie secolari,
infidi e sifilidi
orrori
appiattiti e soggiogati
dalla tua lettera indomita
calma sui miei moti
scivolava assorta
concentrata
come in preghiera
su questi monti di pace
su queste eteree colline
senza neve.

sottili paramenti
di carta vetrata
rotondi come unghie
graffiavano la mia schiena
rinsavendo l’ardore,
spezzando muto
l’amore del nulla,
svicolando per pendii
e fremiti,
cospargendomi d’altro
incanto sparso
piu’ sordo d’un eco
divelto
acciaio fuso coagulato
sulle spoglie
della mia prigionia.


Figurarmi le luci
rimbalzare fredde
nello specchio lucido
d’un marmoreo inganno
non desterà più stupore

ne’ potrà un fosso
pieno d’anime e peccati
rifrangere l’ipocrita sdegno
di chi sopporta a stento il vivo incanto,
suicidandosi
un atomo alla volta
per non patire troppo

12

3
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 22/11/2011 16:16
    Scusami... per l'errore... molto
  • Don Pompeo Mongiello il 22/11/2011 16:15
    olto apprezzata e piaciuta questa tua veramente bella!
  • giancarlo noferi il 18/10/2007 01:11
    Bellissima poesia. È un vero piacere leggerti. Complimenti...
  • augusto villa il 26/09/2007 10:15
    Grande poesia, grande Ivan!
    Ciao!
  • ELENA MACULA il 09/05/2007 13:01
    mi viene una sola parola bellissima!!!
  • sara rota il 02/05/2007 17:57
    La tristezza è racchiusa in queste tue righe... molto commovente e ben scritta. Seppur lunga non mi ha stancato leggerla, anzi...
  • Anonimo il 30/04/2007 09:33
    Benritrovato Ivan... sei cambiato... ma quello che leggo... mi piace ancora di più. È più maturo... più consapevole. Più.
  • Antonio Pani il 26/04/2007 16:59
    Splendida! Mi fa pensare ad un uomo, fermo in equilibrio su un semplice punto, circondato da un bianco infinito, accecante. Solo con i propri sensi, impegnati in una ricerca senza sosta. Io l'ho vissuta così, scusa il commento un po' "esteso" e personalizzato. Molto bella ed apprezzata, bravo. A rielggersi, ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0