accedi   |   crea nuovo account

Ad un uomo che soffre

Mite il clima,
precario l'umore,
strana l'atmosfera
ed intenso il dolore.
Come una sigaretta la vita si consuma
ed ogni tiro è un giorno che se ne va.
Breve potrà sembrare l'esistenza,
visto l'oggetto cui è posta in confronto,
ed al termine di essa
il tempo passato non parrà molto,
ogni rimpianto finirà per riproporsi
ed il dolore non accingerà a fermarsi.
In final sede,
pur non avendo fede,
l'anima a Dio raccomanderai
ed il suo ascolto pretenderai,
sperando in un utopico viaggio
verso un mondo migliore.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 27/03/2011 20:31
    questo nn lo so ale, xkè non ti consosco abbastanza... ma il rischio in una poesia del genere era dietro all'angolo per chiunque, invece tu l'hai evitato alla grande... bravo!
  • Alessandro Valentino il 27/03/2011 20:07
    il moralismo non rientra nel mio essere francesco! Comunque grazie e grazie anche a Maria Rosa ^^
  • Maria Rosa Cugudda il 27/03/2011 17:21
    Letta con piacere, apprezzata molto!
  • Anonimo il 27/03/2011 15:52
    poteva "cadere" facilemente in un "taglio" moralista, invece tu hai evitato il pericolo! bravo!
  • Alessandro Valentino il 26/03/2011 13:04
    Grazie michela ^^
  • michela salzillo il 26/03/2011 00:03
    Ogni giorno fai un passo in più!
    Bravo
  • Alessandro Valentino il 25/03/2011 20:40
    ti ringrazio molto ^^
  • Francesca La Torre il 25/03/2011 20:24
    bella, ben scritta per il contenuto profondo che esprime. Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0