username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un uomo e 100 Ulivi

Un uomo
100 ulivi macchiano suo marzo
Lui danza con le forbici
per una forma e una poesia
di ogni ulivo
nel cortile
di ogni famiglia.

Un Uomo, donna o bambino
Forse il nonno o nonna
Fanno qualche parola di più
mentre lui taglia.
Il silenzio lui odia
Allora bene che parlino
Triste sono quelle case
Ulivo fuori senza parole e foglie.
Ogni marzo una nuova forma
Vecchi occhi ma nuovi sguardi.

L'inverno aveva lasciato segni
Che Uomo cancella
L'ulivo si lascia riempiere il cielo
Con le mani del uomo
Nella famiglia qualcuno piu libero
Qualcuno sente legato
Uomo continua sua opera
Alla fine dopo un bicchiere di vino
con un suo giusto compenso di
alcuni euro
Uomo avanza per il suo prossimo
Ulivo.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 03/06/2011 11:46
    ricomincia il ciclo della vita... intorno all'albero della pace... bella Raju
  • Anna G. Mormina il 29/03/2011 17:55
    ... e altri alberi di ulivo, ancora, sentiranno la danza delle forbici, si parlerà degli ulivi senza foglie, si gioirà nel vedere i primi piccoli fiori bianchi... l'uomo, continuerà la sua 'arte'... è la dolce ruota della vita!... bellissima poesia, ciao Raju!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0