accedi   |   crea nuovo account

Vita campestre

Non s'è ancora ritirata
tra le nuvole la luna
che la folta testa bruna
il contadino ha già levata.

Pane asciutto sotto ai denti,
avvia un poco il focherello
e con in testa il suo cappello
saluta piano i suoi, dormienti.

L'acqua gelida alla fonte
lo risveglia dal torpore
e prepara al gran calore
la sua corrugata fronte.

Comincia lesto il suo andare
tra sassi e rovi lungo il sentiero
e a sorprenderlo è solo il mistero
del primo lume dell'albeggiare.

Eccolo quindi al sudato traguardo:
le spighe dorate colme di grani
ben lascian sperare per il domani
e lì si sofferma il suo fiero sguardo.

Tutta mattina trascorre nel campo:
la falce in mano, il sole sul viso
termina tutto il lavoro deciso
e alla noia non lascia scampo.

All'ora che i raggi vanno a picchiare
è il vecchio ciliegio a dargli ristoro
e dopo cotanta fatica e lavoro,
poggia le reni e comincia a mangiare.

S'addormenta poi, è stremato;
forse sogna la sua sposa
o soltanto si riposa,
sopra l'accogliente prato.

Lo vuol desto una farfalla
e gli si posa sulla mano:
ha da fare l'ortolano
e accudire la sua stalla.

Alle cinque della sera
è suo solito tornare:
già lo attende al casolare
tutta la famiglia intera.

Il tramonto alla finestra
è il teatro in cucina:
con sua moglie e la bambina
benedice la minestra.

S'affaccia la luna sul sipario del sole...
"Sarà domani come oggi la tua giornata?"
domanda al contadino la sua amata...
"Lo sarà, certo, ma soltanto se Dio vuole".

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • giuliana marinetti il 09/08/2009 16:27
    cara Barbara serena e dolce, è un canto alla vita.
    Piaciuta tanto. Meriti molto più, un 10.
    Ciao Giuliana
  • A. Barbara Di Stefano il 27/04/2007 12:11
    concordo con i tuoi commenti, Ivan.. ma l'avevo buttata giù di getto e non ho voluto apportare troppe correzioni... commentami sempre, mi fa piacere.
  • Ivan Iurato il 26/04/2007 23:55
    Il fraseggio è più delle volte azzeccato anche se c'e' qualche caduta di tono e qualche sillaba non coincide musicalmente( parlo di assonanze) con la precedente. Il tema è carino e molto suggestivo.
  • A. Barbara Di Stefano il 26/04/2007 19:12
    mi commuovi, ma credo sia la mia opera migliore. Grazie... a te e a Laura.
  • laura cuppone il 26/04/2007 13:49
    10... bella! L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0