PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Spreco

orme ricalpestate
in sentieri mai visti
visto o
l'ingombro di me
buca immensa ho creato
lati ruvidi graffiano la pelle

umido di stenti il tuo fondo
sassi appoggiati a pareti mangiate
da salnitro polveroso
le unghie graffiano
creando torpore

al momento droga celebrale
svelami visioni
di come potrò
salire
la tua dimensione
cosi tu mi accarezzi
cellule adipose

che mi impediscono
di salire il giallo
e solo fango
ricopre i passi
e le orme
in leggerezza scompaiano

mentre tu muori di fame
la tavola apparecchio di giallo
e le pietanze diventono
fango
sul fonto di qusto inutile
ingombro
creato dal mondo cosi poco giallo

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0