accedi   |   crea nuovo account

Viticci

e chissà
quanti chilometri ancora
sotto le mie scarpe per arrivare a te
ad Est
la notte rotola giù per la collina
m'avvio
sbadiglia il sottobosco e
scendo dal quarto di luna per
risentire i passi del mio destino
che rimbombano
dentro un bicchier di vino tinto
bevuto
sperando d'annegare il tuo ricordo
sperando d'annegare il dubbio, il mancato anelito
aah, occhi di birba
il tuo sentiero corre
è dal bivio che non sento più la tua essenza
m'inebria solo il tuo ricordo
aah, boccoli ramati
fra viticci e opulenti grappoli che sanno di te
mille miglia fa, ma
mi manchi già

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 07/05/2011 21:23
    ''... occhi di birba
    il tuo sentiero corre
    è dal bivio che non sento più la tua essenza
    m'inebria solo il tuo ricordo
    aah, boccoli ramati
    fra viticci e opulenti grappoli che sanno di te
    mille miglia fa, ma
    mi manchi già''

    bei versi... dolci e musicali

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0