accedi   |   crea nuovo account

A terra

Dal tuo eremo d'oro
dove molle rilasci
il corpo e le brame
non rispondi
né chiami

la mia voce si spegne
abbattendosi sul muro
del castello omertoso
mentre lanci un attacco
al mio stomaco vuoto

ed io mi contorco...

nausea e vomito
come da intossicazione
di sostanze nocive
o da morso velenoso.
Resto a terra a tremare...

e non riesco ad urlare.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 29/03/2011 10:37
    Poesia originale che ben descrive l'impotenza dei sentimenti umani quando non sono recepiti. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0